Questo sito web utilizza cookie a fini statistici e per la navigazione, nonché cookie di terze parti.

Se non modifichi le impostazioni del browser, chiudendo questo box e continuando la navigazione su questo sito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling, dichiari di acconsentire al loro utilizzo. Per ulteriori informazioni leggi l'Informativa sui cookie.

stimolare l’amore per la vita
Menu

La biomusia è una scienza per organismi viventi "sapiens", che attraverso la triade comportamentale costante dell'osservare, sperimentare e apprendere è orientata ha trasformare il fenomeno in natura apparentemente casuale in causale; senza rinunciare con umiltà e sobrietá al gusto della fantasia e della creatività!

La biomusia è una scienza per organismi viventi "sapiens", che attraverso la triade comportamentale costante dell'osservare, sperimentare e apprendere è orientata ha trasformare il fenomeno in natura apparentemente casuale in causale; senza rinunciare con umiltà e sobrietá al gusto della fantasia e della creatività!

"In studi recenti, stanno utilizzando i campi magnetici per inibire l'emisfero dominante e recuperare l'emisfero ipofunzionante. Io sono anni che riattivo l'emisfero ipofunzionante lesionato con risultati ottimi ed evidenti: i famosi 'neuromiracoli'." - Dr. R. Cimini

M. ha subito un ictus cerebrale dovuto ad aneurisma in età adulta. con conseguente emiplegia. Dopo due anni le prospettive riabilitative offerte dal servizio sanitario nazionale erano quasi del tutto esaurite. La sfera emotiva di una normale vita sociale, non correttamente canalizzata aveva inciso negativamente sulla malattia. Il primo obiettivo perseguito dal Dr. Cimini è stato quello di cambiare l'attegiamento psichico di M. da iperemotivo ad emotivo funzionale. M. ha cambiato il suo modus vivendi, trasformando il volto tipicamente sociale e riscoprendo il volto di Duchenne, che misura la qualità delle emozioni personali, non 'fotocopiate'. Ha aumentato il tono dell'umore, togliendo la deriva depressogena in cui il servizio sanitario nazionale l'aveva lasciata. Il tono dell'umore corretto, conseguente alla presenza ambientale stimolata durante l'attività, le ha consentito un recupero funzionale degli arti apprezzabile. Quando il Dr. R. Cimini ha cominciato a lavorare con M., era ancora in carrozzina. Dopo un anno di attività, con soli, ma costanti, incontri mensili, ha riacquistato la possibilità di camminare con le sue gambe, seppur con l'ausilio di un appoggio. Ha riacquistato la sensibilità epidermica del braccio emiplegico e continua a migliorare la capacità di gestione motoria dello stesso.

Nel filmato, le due mani libere (una del Dr. R. Cimini e una di M.) e le mani intrecciate (la stretta di mano fra il Dr. R. Cimini e M.), in base al ritmo e al fraseggio, sembrano essere gudate da 3 cervelli diversi. Contrariamente a quanto documentatonell'evoluzione di queste malattie, l'arto emiplegico di M. non è fibrotico e cianotico, ma roseo e tonico.

N.B. L'acustica 'plastificata' del filmato non ha nulla a che vedere con le frequenze percepite dall'orecchio nel contesto reale, come ad esempio le frequenze fantasma.